Accetti i cookie? Clicca sul tastino verde per accettarli, questo sito non gestisce in alcun modo i dati personali dei visitatori, nè per fini promozionali, nè per fini eprsonali.

Area riservata
Sabato, 10 Novembre 2018 23:44

2010 Fasi Finali Campione d'Inverno

Scritto da La Gazzetta del 2010
Vota questo articolo
(6 Voti)
Saluzzo Bianco - Saluzzo Granata - Il goal di testa di Hateley nel derby - Tiro a giro della "Pulce" - R Saluzzo Bianco - Saluzzo Granata - Il goal di testa di Hateley nel derby - Tiro a giro della "Pulce" - R

Dall’inviato Felice Caccamo

AC Saluzzo 1901 Granata - Infernotto = 3 - 5

Allenatore Giacchero

Giocatori Pertosa, Garetto, Gramaglia, Delija, Palushi, Barale, Viale.

Fasi finali al Futsal Arena e gara importante per i marchionali che sfidano i ragazzi dell’Infernotto che per l’occasione indossano una divisa color “canarino”. Bellissima partita dove il Saluzzo domina i primi due tempi chiusi sul 3 -1 e cede forse per stanchezza nel terzo tempo rimediando un finale di 3-5.

Ma veniamo alle fasi salienti della partita. Nel primo tempo splendido goal della “Princess” Emma Garetto sotto la traversa imbeccata da un passaggio del lagnaschese Barale - cognome amarcord per l’AC Saluzzo con la speranza che ricalchi le orme del grande “Gigi Barale” - Il raddoppio arriva per opera del “Redondo saluzzese” Delija con un goal bellissimo molto simile al precedente. Il primo tempo si chiude sul 2 a 0 con dominio incontrastato del Saluzzo dove “il purti” Pertosa deve soltanto osservare i suoi compagni.

Alla ripartenza del 2 tempo la prima reazione dell’Infernotto che si porta sul 2-1 ma il Saluzzo replica con un altro goal su una azione da calcio d’angolo deviato dal grintoso Gramaglia e finalizzato da Delija.

Inizia il terzo tempo e la partita cambia volto… A fine gara qualcuno indirizzerà giustamente la colpa ad uno iettatore presentatosi con l’ombrello! L’Infernotto, superiore fisicamente, inizia a spingere mettendo sotto scacco i ragazzi granata che cedono forse per stanchezza rimediando 4 goal senza riuscire a finalizzare, complice un pizzico di sfortuna, le azioni di contropiede.

 

Partita comunque molto bella in cui si iniziano a vedere i progressi nel gioco di squadra e la capacità di stare in campo frutto di questi primi mesi di allenamenti e partite. Buona la prova anche di Viale e Palushi e ottime le parate di Pertosa sfortunato nell’ultima frazione di gioco. #avantiaqualunquecosto

 

Dall’inviato Gianduia Vettorello

AC Saluzzo 1901 Bianco - Morevilla = 3 - 6

Allenatore Giacchero

S.C. Excellent Orsi

Giocatori Bessone, Fraire, Rinaudo, Prencipe, Rizzuti, Cavallo, Musso

Prima partita della fase a gironi per decretare il Campione d’Inverno e il Morevilla si candida per raggiungere il primo posto dopo una prestazione in cui i ragazzi di Giacchero hanno opposto resistenza solo con la grinta e cuore.

Primo Tempo

I ragazzi della pianura sono arrivati nel Marchesato consapevoli di avere un buon gioco ed i granata hanno certamente patito la concretezza dell’avversario. “Bomber” Prencipe e “Pendolino” Rinaudo sentono l’emozione della gara e sono giù di tono rispetto alle gare precedenti. I marchionali sono schiacciati e subiscono due gol ed il fraseggio avversario. Rizzuti però suona la riscossa cogliendo il palo e porta poi davanti al portiere finalmente Prencipe per l’1 a 2. Orgoglio granata!

Secondo Tempo

E’ il momento de “I Ragazzi della Terza A”, Cavallo e Musso. Fisico possente? No di certo ma con grinta da vendere. Ci siamo, il Saluzzo preme e arriva prima un bel tiro dalla distanza di Fraire, un’ottima chiusura di Musso e Bessone tira giù la saracinesca in due occasioni.

#avantiaqualunquecosto Il gol lo firma Cavallo dopo uno scambio con Prencipe. Il suo tiro di mancino come la “Pulce” prende il palo e diventa imprendibile per il portiere avversario. E’ il pareggio 2-2.

Equilibrio raggiunto e sembra addirittura si possa tentare di passare in vantaggio ma da un calcio d’angolo con un preciso tiro si va nuovamente sotto: 2-3. Time out.

Terzo Tempo

 

La squadra riparte con Bessone tra i pali, Rinaudo si riprende la fascia destra e Musso la sinistra. Davanti la coppia Rizzuti e Cavallo. Il quadrato dei marchionali è interessante e vivace ed arriva il gol di testa del piaschese Rizzuti che per l’occasione sale tra le nuvole come il grande rossonero del passato Mark Hateley. Un 3-3 meritato e che fa ben sperare. Purtroppo come dice il proverbio orientale “Chi visse sperando morì sperando“ arriva il gol su punizione del Morevilla ove l’incolpevole Bessone viene beffato da una dubbia posizione avversaria che sarebbe sanzionata nel calcio a 11. Peccato. Benzina finita… Nemmeno il rientro di “Re” Prencipe e Fraire riporta in partita i granata che subiscono una doppietta finale eccessiva contro l’avversario certamente di migliore qualità sino a questo punto della stagione. Nulla comunque è perduto!

Letto 718 volte Ultima modifica il Domenica, 11 Novembre 2018 11:18
Devi effettuare il login per inviare commenti